Home Guidelines Reading Alternative Grail Psychonautics
Lydia's Well Gnostique Gaia-Sophia Magdalene Living Myth
Sky Lore 2012 S h i f t Rite Action

 

 

Site Guide

 

 

Original Language
13th Century Tuscan Italian

JLL Translation

 

Donna Mi Priegha

Donna me priegha perch' i voglio dire
D'un accidente che sovente e fero
Ed e si altero ch'e chiamato amore

Sicche che l negha possa il ver sentire
Ond a 'l presente chonoscente chero
Prech i no spero ch om di basso chore

Atal regione portj chonoscenza
Che senza natural dimonstamento
Non o talento di voler provare
Laove nascie e chi lo fa criare

E qual e sua virtu e sua potenza
L'essenza e poi ciaschun suo movimento
E 'l piacimento che 'l fa dire amare
E se hom per veder lo puo mostrare

In quelle parte dove sta memoria
Prende suo stato si formato chome
Diafan dal lume d'una schuritade
La qual de Marte viene e fa dimora
Elgli e creato e a sensato nome
D'alma chostume de chor volontade

Vien de veduta forma che s'intende
Che 'l prende nel possible intelletto
Chome in subgetto locho e dimoranza
E in quelle parte mai non a possanza

Perche de qualitatde no disciende
Respende in se perpetuale effecto
Non e diletto ma consideranza
Perche non pote laire simiglglianza

Non e virtute ma de questa vene
Perfezione ches si pone tale
Non razionale ma ce si sento docho

Fuor di salute giudichar mantene
E l antensione per ragione vale
Discerne male in chui e vizio amicho

Di sua virtu seghue ispesso morte
Se forte la virtu fosse impedita
La quale aita la contrara via
Non opposito natural sia

Ma quanto che da ben perfette torte
Per sorte non po dir om ch abbi vita
Che stabilite non a signnioria
A simil puo valer quant uom l obblia

Lesser e quanto lo volere a tanto
Ch oltre di natura torna
Pi non si addorna di riposo maj
Move changiando cholr riso in panto
E ll fighuracon paura storna
Poche soggiorna anchor di lui verdaj

Che n gente di valore il pui si trova
La nova qualita move a sospirj
E vol ch om mirj in un formato locho
Destandos' ira la qual manda focho

Inmaginar nol puo hom che nol prova
E non si mova perch' a llui si tirj
E non si aggirj per trovarvi giocho
E certamente gran savor ne pocho

Da ssimil tragge complessione e sghuardj
Che far parere lo piacere pui certo
Non puo choverto star quand e si giunto
Non gia selvagge la bilta son dardj
Ch a tal volete per temere sperto
Hom seghue merto spirito che punto

E non si puo chonoschiere per lo viso
Chompriso biancho in tale obbietto chade
E chi ben aude forma non si vede
Perche lo mena chi dallui procede

Fuor di cholore essere diviso
Asciso mezzo schuro luce rade
Fuor d'ongni fraude dice dengno in fede
Che solo da chostui nasce merzede

Tu puoj sicheramente gir chanzone
Dove ti piace ch i t o si ornata
Ch assa lodata sara tua ragione
Dalle persone ch anno intendimento
Di star l'altre tu non aj talento

Manuscript 'Ld', Laurenziano 46-40, folio 32 verso,
In Literary Essays of Ezra Pound (New Directions)



 

 


Material by John Lash and Lydia Dzumardjin: Copyright 2002 - 2017 by John Lash.